Sertura produce il suo Aglianico IGT nel rispetto di una vinificazione in purezza.

Parlare di Aglianico significa riferirsi al più illustre e importante vitigno rosso del Sud Italia.

Dalle origini antichissime, genera un vino molto strutturato contraddistinto da longevità e consistenza anche se bevuto dopo molti anni.

E’ proprio con il passare del tempo, infatti, che esprime tutte le sue caratteristiche ed enfatizza proprietà distintive e sentori unici.

L’Aglianico, diffuso nelle sue varianti territoriali principalmente in Campania e in Basilicata, predilige i terreni di tipo vulcanico e trova la sua massima espressione in Irpinia con la produzione dell’Aglianico IGT e della sua rinomata evoluzione, il Taurasi DOCG.

Ottima acidità e grandi tannini sono gli elementi caratterizzanti l’Aglianico IGT, un vino giovane e fruttato, dal carattere deciso e dal sapore intenso.

Sertura produce il suo Aglianico IGT nel rispetto di una vinificazione in purezza, attuando una macerazione e una fermentazione a temperatura controllata di 22-25°.

La durata media della fase di fermentazione è tra i 21 e i 25 giorni.

Ciò che ne deriva è un vino dal colore rubino brillante, con spiccate note di frutta rossa all’olfatto e avvolgente al palato, con un finale minerale e terroso.

Perfetto per gli abbinamenti con i prodotti tipici del territorio irpino, su tutti funghi e tartufi, e con piatti a base di carne rossa.

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese